Artisti stranieri

Mikiko Ponczek

Mikiko è un’autrice di manga e illustratrice di origini giapponesi e tedesche.
In Germania ha lavorato con Tokyopop, dove ha pubblicato 5 titoli, uno dei quali premiato nel 2016 (Crash’n’Burn). Ha pubblicato Miki’s Mini Comics (slice of life webcomic) e Scars (hentai) con PYRAMOND in Germania e attraverso il suo negozio online in inglese.
In Australia, è stata contattata da Gestalt publishing e Tom Taylor (autore Marvel)  per un breve fumetto chiamato M.I.D.A.S. pubblicato nel 2011.
Dal 2013 lavora a stretto contatto con Wacom per workshop dal vivo durante gli eventi. Nello stesso anno lavora ad un web-TVshow tedesco sulla cultura giapponese e la cultura pop.

I suoi webcomics hanno recentemente superato un totale di 8 milioni di click.

Mikiko deviantArt page


Sourya Sihachakr

Sourya è nato nel 1986 e vive oggi a Parigi, in Francia.
Laureato all’Istituto Superiore di Arti Applicate di Parigi e alla Scuola di Arti e Spettacolo del Cinema di Angoulême, ha collaborato alla realizzazione e animazione del pilot di El Sistema per Preludio Animazione, e ha lavorato come animatore sui mondi di Pahé (Blue Spirit Animation).
Nel 2009, ha ricevuto il premio del pubblico al concorso Canal J: Les Espoirs de l’Animation per The Piano Lesson.
Talli, Fille de la Lune il suo ultimo fumetto monografico, edito da Ankama.


Gin Zarbo

“Ciao, sono Gin. Sono nata nel 1993 in Svizzera.
È sempre stato il mio sogno diventare un mangaka.
Ho disegnato il mio primo manga all’età di 13 anni. A quel tempo, ho anche lavorato su vari cortometraggi. Poi è arrivata la mia prima doujinshi COPE SOUL, che ho pubblicato nel 2014 in self-publishing. La mia prima pubblicazione in un editore avviene nel 2017 con il mio manga UNDEAD MESSIAH.
Sono appassionata del genere shonen e mi piace anche raccontare storie dell’orrore. Mio padre viene dall’Italia, mia madre dalla Repubblica Dominicana. La diversità culturale è particolarmente importante per me, che cerco anche di riflettere nelle mie storie.”


Ban Zarbo

“Sono Ban Zarbo e sono una mangaka appassionata.
Kamo è finora il mio unico lavoro che ho realizzato in forma di doujinshi fino a quando nel 2015 Tokyopop mi ha chiesto se potevano pubblicare Kamo nella loro casa editrice.

Per un anno, ho lavorato con il mio editor e partner Yannick a questo progetto fino a quando non è stato annunciato a dicembre 2016.

Prima di disegnare Kamo, tra il 2011 e il 2012 ho disegnato due brevi storie per Tokyopop ancora inedite. Già allora ho lavorato con un editor e ho imparato molto su come lavorare con un editor!”


Natalia Batista

Autrice svedese di bestseller, pubblica il suo manga a generi invertiti in italia grazie a Doraetos Manga, sui cui magazine il fumetto è leggibile fino al capitolo 7.
Arriva per la prima volta in Italia con una mostra personale grazie ad ACME – Accademia di Belle Arti Europea dei Media di Novara.

SPA_kap01-000

Natalia Batista Website
Natalia Batista LIVE su Indieversus

Annunci